surriscaldamento del pianeta
News

Surriscaldamento del pianeta

Uno dei principali artefici del surriscaldamento del pianeta sono i GHG, gas ad effetto serra.

Tra questi, il principale responsabile è la CO2 (biossido di carbonio) subito dopo l’H2O (vapore acqueo) la cui formazione però non è imputabile all’uomo (salvo casi particolari).
Considerate l’industria Food e Beverage (parlando tricolore: cibo e bevande) produce circa la stessa quantità di gas serra che producono “insieme” Finlandia, Svezia e Norvegia, ma non tutte le aziende Food e beverage del mondo, bensì solo le 10 multinazionali più grandi.
ORGANIK da sempre si impegna a ridurre al minimo l’impatto ambientale che i suoi prodotti, come come l’azienda stessa, hanno sul nostro ecosistema ma, ahimè non possiamo esimerci del tutto da questo incremento di gas ,almeno per il momento ;).
Abbiamo pensato, come poter in qualche modo “compensare” a questa emissione di CO2? La risposta è stata semplice, con delle piante, che come sapete assorbono CO2 e producono O2 (ossigeno); ma inserire delle piante nei packaging è abbastanza complicato oltre che oneroso per il trasporto, quindi abbiamo deciso così: Piantala!
Un progetto che non vi dà solo una pianta bensì la possibilità di prendervene cura sin dalla semina in modo che possiate sentirla davvero vostra.
Vostra la piantina e vostro il contributo per il pianeta.
Il progetto Piantala! Prevede che ogni cartellino (come anche altro materiale informativo) contenga nello stesso impasto della carta (riciclata) dei semini di vario genere.
Così, una volta comprate le vostre belle Organik, togliete il cartellino che le lega al modello scelto, e… seguite le istruzioni sul retro, due settimane circa sarete anche voi dei tipi Organik.
State tranquilli non abbiamo previsto semi di piante carnivore, ci piace il VEG 🙂
Ma non potevamo fermarci a questo, potevamo scegliere un packaging comune? Certo che no, la carta è certificata FSC (ogni albero abbattuto corrisponde ad un nuovo albero piantato) .
Che dire di più… #ThinkNatural

Lascia un commento